Incontri ctp laquila per divulgazione piano di emergenza comunale

Di Gregorio dichiara di non essere disponibile per quel giorno. Placidi dichiara,in seconda battuta ,che il piano è stato aggiornato con nuove cartografie. Non ne so niente. Non trovando il materiale, dice che probabilmente incontri ctp laquila per divulgazione piano di emergenza comunale piano è rimasto negli uffici di via Sassa che devono ancora essere sgomberati dopo il terremoto ma che una copia è comunque presente in Regione. Riga per avere conferma che il materiale fosse pronto. Giunta sul luogo indicato,la Sig. Placidi durante il convegno. Di Gregorio e dopo aver atteso il proprio turno entra chiedendo delucidazioni sulla documentazione mancante. Di conseguenza Di Gregorio convoca nel proprio ufficio il geom. Monica ribadisce di essere una semplice cittadina in diritto di conoscere il piano di protezione civile e coordinatrice di un gruppo di divulgazione scientifica al cui convegno lo stesso ingegnere ,invitato, non ha inteso partecipare. Monica lascia nominativo e numero di cellulare chiedendo indicazioni sulla tempistica. Allo stato attuale, stiamo ancora aspettando di essere ricontattate. In data 8 Febbraio ,alle ore Si è attualmente in attesa di formale convocazione e risposta da parte del Comune. Stai commentando usando il tuo account WordPress.

Incontri ctp laquila per divulgazione piano di emergenza comunale EPPUR . . . SI MUOVE ! TERREMOTO A L'AQUILA – (lavori in corso)

Riga per avere conferma che il materiale fosse pronto. Si stanno già pianificando anche i percorsi di formazione e divulgazione nelle scuole". Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui. Per la pubblicizzazione del Piano sono per ora a disposizione 10 mila euro, che saranno utilizzati per brochure e materiale informativo cartaceo. Questo sito utilizza cookie. Si tratta di uno strumento valido per la gestione delle emergenze. Mediante un sito Internet i dati pervenuti vengono visualizzati su una mappa permettendo agli operatori di protezione civile di attivare le funzioni previste dal Piano di emergenza comunale per procedere al superamento della criticità. Rispetto al vecchio piano, il nuovo "prevede un ricambio automatico dei responsabili di funzione, la dislocazione del Centro operativo comunale Coc non più alla Provincia, ma nella sede di Villa Gioia. La realizzazione di una base dati integrata tra Comune, operatori di protezione civile e cittadini pone tra le finalità del progetto la localizzazione delle situazioni di rischio, le vulnerabilità presenti sul territorio e le risorse disponibili per intervenire nella riduzione del rischio. Placidi dichiara,in seconda battuta ,che il piano è stato aggiornato con nuove cartografie. Leggi l'articolo originale su AbruzzoWeb.

Incontri ctp laquila per divulgazione piano di emergenza comunale

Di Gregorio per chiedere adesione in qualità di relatore ad un convegno programmato per sabato 4 settembre, al fine di illustrare il Piano di Protezione Civile del Comune di L’Aquila. L’Ing. Di Gregorio dichiara di non essere disponibile per quel giorno. Il primo appuntamento è alle 18, alla Villa comunale di Paganica, con il Ctp «Sentiamo forte l’esigenza di parlare di sicurezza», ha spiegato la presidente Sara Cecala. «Il nostro territorio soffre il rischio idrico, lungo il fiume Aterno, idrogeologico, a Pescomaggiore così come a Paganica e Tempera. Per questo, è importante divulgare il piano, farlo conoscere e spiegarlo ai cittadini». Continuano gli incontri sul Territorio e nelle frazioni per la divulgazione di tutte le notizie utili alla popolazione in caso di emergenza. Il Nucleo Operativo dei Volontari della Protezione Civile di stanza a Tagliacozzo è uno dei più operativi del centro Italia; infatti i nostri ragazzi sono stati chiamati ad intervenire in occasione delle maggiori emergenze sul territorio nazionale. L'AQUILA - "L’Aquila ha finalmente un Piano di emergenza all'avanguardia, ma ora la sfida è aggiornarlo costantemente, e soprattutto di comunicarlo alla popolazione”.

Incontri ctp laquila per divulgazione piano di emergenza comunale